giovedì 20-09-2018
Home / L’intervista

Category Archives: L’intervista

LA CUCINA DELLO CHEF TINO VETTORELLO E L’OLIO MATE, INTERPRETI DEL GUSTO ALLA 75° MOSTRA INTERNAZIONALE DEL CINEMA DI VENEZIA.

Aleksandra Vekic produttrice olio Mate Trasparenza Marina

Aleksandra Vekic produttrice olio Mate Trasparenza Marina

Lo chef Tino Vettorello alla 74° Mostra del Cinema internazionale di Venezia

Lo chef Tino Vettorello alla 74° Mostra del Cinema internazionale di Venezia

LA CUCINA DELLO CHEF TINO VETTORELLO E L’OLIO MATE, INTERPRETI DEL GUSTO ALLA 75° MOSTRA INTERNAZIONALE DEL CINEMA DI VENEZIA.

Dal 29 agosto all’8 settembre 2018, alla 75° Mostra Internazionale d’arte cinematografica di Venezia, nel ristorante Terrazza Biennale e nelle varie sale Vip dedicate alla ristorazione per attori, produttori, registi del mondo del cinema internazionale, l’olio ufficiale utilizzato in cucina e a tavola sarà il prestigioso MATE – Trasparenza Marina – prodotto da Aleksandra Vekic nell’Istria occidentale, vicino alla città di Umago. Un olio di assoluta qualità artigianale – dice Tino Vettorello – da diversi anni chef ufficiale della kermesse veneziana, conosciuto ormai come lo chef degli attori grazie ai suoi celeberrimi piatti/dedica come il “branzino alla Clooney” o “l’orata spericolata”, piatto dedicato a Vasco Rossi. Un’ olio che ha fatto incetta di premi negli ultimi anni e che garantisce alla cucina di Tino Vettorello un filo conduttore, tra mare, laguna e orti, di grande qualità e raffinatezza, ma anche di stile naturale e tipico che tanto piace ad attori e registi che affollano il parterre del Lido.

L’olio Mate è prodotto in 5 declinazioni nel frantoio Agrofin di proprietà di Aleksandra Vekic che raccoglie le cultivar di olive da 27.000 piante posizionate nella famosa “terra rossa”, vicino al mare Adriatico in zona mite, temperata e ben ventilata. Agricoltura sostenibile, pochissime ore dalla raccolta alla frangitura, tecnologia e una visione passionaria rendono questi oli davvero unici nel panorama oleario mondiale.

Tino Vettorello, dal canto suo, è reduce dalla vittoria dell’Award internazionale Best of Alpe Adria 2018 in qualità di “Red Carpet Chef” conferitogli dal team giornalistico della guida Best Gourmet 2018 che premia la valorizzazione della cucina veneta nell’ambito cinematografico internazionale. Award che verrà festeggiato durante la mostra del cinema con un gourmet party. Così, tra le proiezioni cinematografiche, il ristorante della Terrazza Biennale ed altri 7 luoghi di ospitalità e degustazioni, al passaggio di attori ed attrici famosi, sarà possibile degustare lo straordinario olio Mate nel nuovo ed esclusivo menù presentato dallo chef Tino …ma quale sarà il nuovo piatto dedica…? Forse una frittura alla Lady Gaga o le tagliatella alla Neeson? Non lo sappiamo ancora ma siamo certi che sarà un cult da menu’.

di Maurizio Potocnik

 

STRAORDINARIA E GUSTOSA ALPE ADRIA – ALPE ADRIA GENUSS — EXTRAORDINARY TASTE IN ALPE ADRIA – BRUNCH & COCKTAIL

Maurizio Potocnik e Stefano Falcier

Maurizio Potocnik e Stefano Falcier

GUARDA L’ULTIMO CORTOMETRAGGIO REALIZZATO DA CLUB MAGNAR BEN E FALCIER FILMAKER IN ALPE ADRIA CON:

 

HOTEL LA’ DI MORET – RISTORANTE FOGOLAR – BLU MORET WELLNESS – BRUNCH COCKTAIL CHEF STEFANO BASELLO RISTORANTE PIKOL TADEJ E TARAS GASPARIN – OLIO MATE – GIOVANNI PUIATTI VILLA PARENS – IVAN UANETTO TRATTORIA DA NANDO – SASA RADIKON.

Buona visione

Straordinaria e gustosa Alpe Adria – Relax & Gourmet tra Friuli Venezia Giulia e Slovenia

Vuoi realizzare un video durante la vendemmia per la tua cantina, un video per il tuo ristorante, per l’hotel? Club Magnar Ben e Stefano Falcier Filmaker (storico regista/cameramen della trasmissione TG 5 GUSTO di Mediaset) da anni collaborano nel settore della produzione video e televisiva di qualità nella ristorazione, nel mondo del vino e del food. Contattaci per creare il tuo nuovo video alla mail: grafica@magnarben.it – stefano@falcier.com

guarda altri video su:

youtube official Maurizio Potocnik BEST GOURMET:

 https://www.youtube.com/watch?v=F7rugR7x4qM

https://www.youtube.com/watch?v=bTr4jHcRMNw

Falcier official

https://www.falcier.com/portfolio-items/tg5-gusto/

https://www.falcier.com/portfolio-items/equoreum/

---

FUORI ALPE ADRIA – SEMPLICEMENTE METINELLA

Metinella Winery - Montepulciano - Tuscany

Metinella Winery – Montepulciano – Tuscany

Stefano Sorlini Owner

Stefano Sorlini OwnerFUORI ALPE ADRIA – SEMPLICEMENTE METINELLA In Toscana, nel cuore del Montepulciano DOCG.

Stefano Sorlini - Metinella Winery Montepulciano

Stefano Sorlini – Metinella Winery Montepulciano

Un’azienda agricola modello, in un territorio straordinario, questa è l’essenza di Metinella e del suo mentore, Stefano Sorlini che l’ha sognata così, naturale, selvatica, ordinata senza chimica nei filari di Sangiovese chiamato nel territorio Prugnolo Gentile, del Canaiolo e del Mammolo, l’uvaggio che compone il nobile di Montepulciano Docg. Metinella nasce dalla fusione di due realtà agricole/vinicole di questo territorio, la visione arriva nel 2015 quando Stefano Sorlini imprenditore bresciano del mondo dell’aeronautica riunisce le due proprietà in un’unica visione con l’incipt di volere fare ancora meglio a 360° tra produzione vinicola, food e ospitalità.

Montepulciano Docg Metinella

Montepulciano Docg Metinella

6 i vini prodotti nelle Metinella wineyards,  l’ “Ombra” , un Sangiovese vinificato in bianco con pigiatura soffice, un vino dai toni gialli decisi, al naso intense note in fiori bianchi, miele di Zagara e pesca matura, in bocca è sapido e ripete gli stessi sentori tra pesca e miele, particolarmente lunghi (interessante vederne lo sviluppo tra un paio d’anni); bene i classici del terroir in Doc e Docg con in prima linea il Nobile di Montepulciano Barberosso, la selezione 142-4 proveniente dal vigneto pietra del diavolo, al naso ricco di sfumature di lamponi e mirtilli di sottobosco, giustamente tannico in bocca con finali lunghi e speziati. Tra le curiosità un piacevole  “RossoRosso” Cabernet Sauvignon e Franc e alcuni filari di Incrocio Manzoni 6013 nella parte più a sud della tenuta, per la precisione 12, un esperimento insolito per questo territorio, ma staremo a vedere, il giovane Sorlini ha le idee chiare sui prossimi passi dell’azienda anche nell’accoglienza con il nuovo progetto della cucina nella terrazza panoramica curata dalla giovane chef Giulia Campiani e la ristrutturazione del podere a sud-est della cantina nel poggio tra i vigneti e le più inebrianti immagini di una Toscana da sogno. Nel frattempo, potrete comunque godere un sano relax nell’agriturismo di fronte la cantina Borgo del Faggio. Tutto a pochi chilometri: Montepulciano, Pienza e Cianciano…bon voyage.

Tutte le informazioni: www.metinella.it - reception@metinella.it - Tel. 0578 799 139

Metinella WineYards

Metinella WineYards

 

 

 

 

 

 

 

Il libro “Il Pesce Povero diventa chic” di Maurizio Potocnik sarà di scena giovedì 7 giugno alle ore 18.00 alla Biblioteca Civica VEZ di Mestre, per la rassegna “Tuffi nel blu”- Festival di storie e paesaggi d’acqua (marzo-giugno 2018).

Il pesce povero diventa Chic

Il pesce povero diventa Chic

 

Il pesce azzurro racconti e ricette da Trieste al Delta Po.

Il pesce azzurro racconti e ricette da Trieste al Delta Po.

 

Maurizio Potocnik Scrittore editore critico enogastronomico

Maurizio Potocnik Scrittore editore critico enogastronomico

 

maurizio-potocnik-il-pesce-povero-diventa-chictoast-di-alici-burrata-e-fiori-di-zucca-il-pesce-povero-diventa-chicIl libro “Il Pesce Povero diventa chic” di Maurizio Potocnik sarà di scena giovedì 7 giugno alle ore 18.00 alla Biblioteca Civica VEZ di Mestre, per la rassegna “Tuffi nel blu”- Festival di storie e paesaggi d’acqua (marzo-giugno 2018).

La Biblioteca Civica Vez – Rete Biblioteche Venezia, in collaborazione con Associazione Culturale Mozaik, FAI giovani Delegazione di Venezia, Istituto Superiore per la Protezione e la Ricerca Ambientale e il WWF Venezia e Territorio, ha inaugurato nel 2018 con successo un Festival per approfondire e conoscere diversi aspetti del liquido ancestrale che da sempre accompagna la vita dell’uomo, di animali e piante.

Tra gli appuntamenti, giovedì 7 giugno sarà di scena Maurizio Potocnik, editore, scrittore e critico enogastronomico con il suo libro dedicato al pesce azzurro dell’Alto Adriatico “il pesce povero diventa schic”, libro pubblicato in Italia nel 2013, vincitore dell’Award “miglior libro Italiano” al Gourmand cook Book Award 2013 e finalista in Cina alla fiera mondiale del libro ed al Gourmand CookBook World Award. L’autore ripercorrerà storie, aneddoti, racconti e ricette dal golfo di Trieste al Delta Po di questa tipologia di pesce partendo dal concetto di poter fare un”grande piatto” da un “prodotto povero”.

Biblioteca Civica Comunale di Venezia Vez – Villa Erizzo (Palazzo della Provvederia) Piazza Donatori del sangue n. 10 – Mestre (VE)

Nelle fotografie:

Maurizio Potocnik – Scrittore editore

Ricetta Toast di alici sotto sale, fiori di zucca emozzarella di bufala del ristorante Bagatto di Roberto Marussi – Trieste

Tortino di Alici con melanzane con salsa verde e cialda al formaggio di osteria Arcadia – Santa Giulia di Porto Tolle (RO)

TINO E CLOONEY, 74° MOSTRA DEL CINEMA DI VENEZIA. CIAK SI GIRA!

Mostra Internazionale d'Arte Cinematografica VENEZIA 74 . Official chef Tino Vettorello

Mostra Internazionale d’Arte Cinematografica VENEZIA 74 . Official chef Tino Vettorello

 

 

Chef Tino Vettorello e l'attore George Clooney

Chef Tino Vettorello e l’attore George Clooney

 

Chef Tino Vettorello e l'attore Mat Damon

Chef Tino Vettorello e l’attore Mat Damon

Piatto dedidica di chef Tino Vettorello a Geaorge Clooney

Piatto dedidica di chef Tino Vettorello a Geaorge Clooney

Chef Tino Vettorello

Chef Tino Vettorello

chef Tino e Vettorello e l'editore/scrittore Maurizio Potocnik

chef Tino e Vettorello e l’editore/scrittore Maurizio Potocnik

Chef Tino Vettorello nel suo esclusivo ristorante "Terrazza Biennale"

Chef Tino Vettorello nel suo esclusivo ristorante “Terrazza Biennale”

TINO E CLOONEY, 74° MOSTRA DEL CINEMA DI VENEZIA. CIAK SI GIRA!

Chiude con successo la 74° Mostra Internazionale d’Arte Cinematografica di Venezia anche per l’enogastronomia con lo chef ufficiale Tino Vettorello che promuove, da ormai 10 edizioni, la cucina italiana, veneta e i prodotti legati al mare Adriatico ed alla terra.  “Tino”, “Tino”, “Tino”…tutti lo cercano, tutti lo vogliono e tutti passano nella sua celeberrima “Terrazza Biennale”, per un drink, una presentazione, un pranzo una cena ufficiale, una serata in riva al mare. Tutti gli attori e le attrici naturalmente, come ad esempio George Clooney, che torna a assaggiare con la moglie il suo “piatto dedica” dello chef Tino, il rombo alla Clooney, questa volta rivisitato con branzino, le erbe spontanee delle barene, sfumato al Prosecco con lamponi e salicornia, oppure l’attore Mat Damon che si è soffermato a degustare un buon un Prosecco con chef Tino che non ha esitato a scherzare su quanto hanno affermato i tabloid britannici negli ultimi giorni in merito al vino più famoso del mondo.

Undici giorni davvero intensi non stop dalle 10 del mattino a notte fonda inoltrata sia nel ristorante della terrazza Biennale sia in tutto l’areale della Mostra nella quale Tino con la suo organizzazione Tino Eventi (una squadra di ben 70 persone tra pasticceri, chef, barman, camerieri) ha rifocillato attori, registi, giornalisti, televisioni e appassionati del cinema che anche quest’anno sono accorsi numerosissimi al red carpet più famoso d’Italia.

Sembra proprio che Tino si trovi a sua agio qui alla Mostra Internazionale del Cinema e sembra che anche tutti gli attori ormai condividano con curiosità e simpatia la cucina salutistica tra il mare e gli orti che Tino da ben 10 edizioni propone….e chissà che non sia in arrivo una novità alle prossime edizioni con Tino interprete in una pellicola  a sfondo enogastronomico.

Ciak si gira!

Maurizio Potocnik per Club Magnar Ben

fotografie: Maurizio Potocnik

ASPETTANDO CLOONEY, SERATA SPUMEGGIANTE CON LO CHEF UFFICIALE DELLA MOSTRA DEL CINEMA DI VENEZIA

ASPETTANDO CLOONEY, SERATA SPUMEGGIANTE CON LO CHEF UFFICIALE DELLA MOSTRA DEL CINEMA DI VENEZIA
lo chef Tino Vettorello di Tino Eventi e la sua brigata di cucina

lo chef Tino Vettorello di Tino Eventi e la sua brigata di cucina

ASPETTANDO CLOONEY, SERATA SPUMEGGIANTE CON LO CHEF UFFICIALE DELLA MOSTRA INTERNAZIONALE DEL CINEMA DI VENEZIA. Una serata davvero spumeggiante si è svolta al ristorante Tre Panoce di Conegliano (TV) per la presentazione in anteprima alla stampa del menù ufficiale dello chef Tino Vettorello alla 41° mostra Internazionale del Cinema di Venezia (30 agosto 9 settembre). Ancora una volta lo chef Tino Vettorello ha dimostrato di avere grandi capacità organizzative e una cucina ricca di cromie e di spunti tra mare e orti, tra la cultura e l’identità veneta, Italiana con una visione internazionale. Al lido di Venezia saranno impegnati più di 70 persone tra cucina e servizio nei vari punti ristorativi della mostra e nella splendida Terrazza Biennale. Tra le novità il ritorno dell’attore definito il più “affascinante del mondo” George Clooney, al quale Tino aveva dedicato un piatto  celeberrimo: il branzino alla Clooney. Ma Tino, ormai considerato lo chef delle star del cinema, è famoso per i vari piatti/dedica, oltre a Clooney , Tino ha dedicato piatti a Vasco Rossi (l’orata spericolata), a Red Canzian (rossso positivo) e a tante altre star del cinema e della musica. Probabilmente un “leone d’oro alla cucina” bisognerebbe assegnarlo proprio a Tino.

di Maurizio Potocnik

MAURIZIO POTOCNIK IL VISIONARIO DELL’ALPE ADRIA ENOGASTRONOMICA

Maurizio Potocnik ripreso con lo chef Stefano Basello durante una trasmissione

Maurizio Potocnik ripreso con lo chef Stefano Basello durante una trasmissione

MAURIZIO POTOCNIK IL VISIONARIO DELL’ALPE ADRIA ENOGASTRONOMICA. 

Un collega lo ha definito cosi, classe 1960, diplomato alla scuola di Enologia di Conegliano TV nel 1979, enologo con approfondimenti agronomici e tecniche di degustazione dei vini, nel mondo della musica negli anni ’80 come cantante e produttore, poi master a Milano di comunicazione, pubblicità e comunicazione integrata.

Nel 1994 scrive la prima guida gastronomica della provincia di Treviso denominata Magnar Ben in migliori ristoranti della Marca Trevigiana, il marchio con i due chef che camminano portando un enorme piatto, farà tanta strada con 22 anni di edizioni, molti libri e trasmissioni televisive dedicate alle migliori cucine, vini e prodotti della macroregione dell’Alpe Adria tra Lombardia, Veneto, Trentino Alto Adige, Friuli Venezia Giulia, Austria, Slovenia e Croazia. E’ stato il precursone della visione trasfrontaliera enogastronomica di una macroregione unica al mondo, ma non solo ha fondato il premio internazionale BEST OF ALPE ADRIA per promuovere la ristorazione a 360°, dalle trattorie alle osterie con cucina ai ristoranti blasonati e a quelli “fuori città”, promuvere prodotti e produttori sconosciuti, vini da piccoli viticoltori e microproduzioni agroalimentari.

Oltre a scrivere 22 edizioni della guida Magnar Ben, ora definita BEST GOURMET ha scritto varie guide territoriali nel prosecco Superiore, nel territorio del Piave, ha scritto e pubblicato diversi libri vincendo come autore ed editore il “Miglior libro del Mondo” al Gourmand  CookBook Word Award nel 2016 con il libro “Conegliano con il Gusto in bocca e gli occhi all’insù” edito da Club Magnar Ben. Vince “il miglior libro italiano” come editore e talent scout del libro Vasocottura di Cristian Mometti, libro che arriva 4° al mondo nell’editoria enogastronomica. Vince ancora miglior libro iteliano nel 2013 con il libro “Il Pesce Povero diventa Chic” dedicato alla valorizzazione del pesce azzurro dell’alto Adriatico nelle nostre tavole ed in cucina. Nel 2017 scrive il libro “Treviso con il Gusto in bocca e gli occhi all’insù, la seconda edizione della collana Viaggio nel gusto dell’urbs picta. Nel 2016 è regista e conduttore della trasmissione televisiva ALPE ADRIA COOKING SHOW in anda su TV7 triveneta nel 2016, una trasmissione che promuove le migliri cucine e i migliori vini della macroregione europea. Collabora con diverse televisioni a carattere nazionale. Per l’anno 2018 nella guida Magnar ben BEST GOURMET 2018, che sarà pubblicata a dicembre, curerà la parte dedicata a 400 ristoranti in collaborazione con una nutrita schiera di giornalisti senior e personalmente la selezione dei migliori prodotti e dei 100 vini più costosi con annate speciali e riserve.

DA NANDO A MORTEGLIANO IL NUMERO UNO DEI GOLOSI IN ALPE ADRIA.

Brigata di cucina del ristorate Da Nando e l'Editore Potocnik

Brigata di cucina del ristorate Da Nando e l’Editore Potocnik

 

 

Vitello a crudo con tartufo di Muzzana e Caviale

Vitello a crudo con tartufo di Muzzana e Caviale

La Patate sgonflade

La Patate sgonflade

La patate sgonflade ed il tartufo di Muzzana

La patate sgonflade ed il tartufo di Muzzana

Il dessert pura scioglievolezza

Il dessert pura scioglievolezza

DA NANDO A MORTEGLIANO IL NUMERO UNO DEI GOLOSI IN ALPE ADRIA.

Lo dice la guida Magnar Ben BEST GOURMET 2017, che aggiudica alla Famiglia Uanetto del ristorante Da Nando di Mortegliano, l’award internazionale BEST OF ALPE ADRIA 2017 come miglior ristorante della tradizione di tutta la macroregione tra Italia, Austria, Slovenia e Croazia. L’ambito premio è stato assegnato per l’indomita promozione dei prodotti friulani a tavola nelle loro stagioni, la coerenza con i sapori veri, quelli di una cucina dove il prodotto è il principe della tavola. Ma non solo, il ristorante di Ivan e Sandro Uanetto, rappresenta una vera e propria oasi di “ristorazione” con la “R ” maiuscola, uno di quei luoghi dove vorresti tornare sempre. Una cantina spettacolare parte promuovendo amici vignaioli friulani e va nel mondo. Sarà davvero dura per i suoi “concorrenti” strappargli questo riconoscimento. Tra le altre cose il ristorante Trattoria da nando ha partecipato ultimamente ad alcune trasmissioni televisiva nazionali e interegionali come Gusto rubrica del TG 5 di  Canale 5 e Alpe Adria Cooking Show diretta sempre da Maurizio Potocnik, l’enogastronomo che da 22 anni promuove la cultura del cibo e del vino in questa meravigliosa macroregione.

L’ALPE ADRIA DEI MIGLIORI GOURMET PRESENTATA DA EAT’S.

Luca Zaia e Maurizio Potocnik presentazione Magnar Ben BEST GOURMET

presentazione ufficiale BEST GOURMET 2017 Eat's Conegliano

brigata alla cena di gala dell'Alpe Adria BEST GOURMET 2017

L’ALPE ADRIA DEI MIGLIORI GOURMET PRESENTATA DA EAT’S. L’happening della macroregione a Conegliano con la presentazione del nuovo concept di Eat’s e della Guida Magnar Ben Best Gourmet 2017. Il Presidente della Regione Veneto Luca Zaia: “realtà realtà virtuose, la ristorazione promuove prodotti agricoli e  turismo”.

Conegliano. E’ stata una vera, grande, partecipata festa come doveva essere per il debutto di due “eccellenze” del gusto: l’anteprima del nuovo  progetto e claim di Eat’s,  gruppo specializzato nella distribuzione di prodotti alimentari di nicchia in rampa di lancio per uno sviluppo nazionale ed estero; la presentazione ufficiale della Guida Magnar Ben Best Gourmet 2017 ristoranti e vini dell’Alpe Adria, edita e curata da Maurizio Potocnik e di cui Eat’s è partner. L’happening che ha unito queste realtà, entrambe dedite – in vari ambiti – alla valorizzazione del cibo di qualità, si è svolto giovedì 2 febbraio nella food hall Eat’s a Conegliano (Treviso), con un’ampia  partecipazione di giornalisti, ristoratori, produttori di vini e appassionati gourmet  che hanno fatto ala all’evento tra le “isole del gusto” dello store.

Luca Zaia Presidente della Regione del Veneto (che è anche presidente della macro regione EUREGIO (Veneto-Friuli Venezia Giulia- Carinzia e prossimamente anche la Croazia), intervenendo in chiusura della presentazione, ha messo in evidenza il valore dell’imprenditoria che getta il cuore oltre gli ostacoli, il governatore non ha perso l’occasione per tornare  simpaticamente sulla contesa del Tiramisù tra Veneto e Friuli vista la folta presenza di ristoratori Veneti e Friulani ed inoltre ha ribadito il concetto territorio/ristorazione “se l’agricoltura non avesse la ristorazione, non ci sarebbe promozione agroalimentare e non ci sarebbe promozione turistica. Nelle regioni dove si mangia e si beve bene si fa turismo. La realtà virtuosa  di aziende agricole, ristoratori e operatori del turismo fa grande e unica questa macro-regione”.

Primario  valore della ristorazione dell’Alpe Adria esaltato anche dalla Guida Magnar Ben BEST GOURMET - 21esima edizione, con la recensione di 350 locali, 150 vini e l’assegnazione di 21 Awards 2017 a ristoranti, cuochi e vini, annunciati dall’editore Maurizio Potocnik e da Wladimiro Gobbo, sommelier che ha curato la selezione dei vini in guida. La consegna dei premi ai vincitori si terrà a giugno. A coronare la festa nella food hall di Eats’ poi ci sono stati due momenti dedicati alla celebrazione dei sapori della macroregione: l’aperitivo con la selezione di formaggi  Agricansiglio e prosciutto di San Daniele Dop,  nei calici i vini delle aziende Le Colture, Bellenda e Boschera Winkler.

La Gran cena di gala dell’Alpe Adria nel bistrò di Eat’s preparata a ben otto mani dagli chef selezionati da Potocnik tra quelli inseriti in guida ed alcuni vincitori. Un felicissimo incontro di territori grazie al “Cappucin Furlan” con orzo nudo della trattoria da Nando di Mortegliano (Udine) della famiglia Uanetto presente con Ivan e Sandro; il piatto “Patate patate patate” i raffinati gnocchi di patate e salmerino di Alfio Ghezzi della Locanda Margon di Trento, il ristorante della famiglia Lunelli-Cantine Ferrari; i sassi del Piave e il branzino dell’Alto Adriatico creati dal ristorante Tre Panoce di Conegliano (Treviso) dello chef Tino Vettorello (patron anche di Eat’s) e lo straordinario dessert “L’inverno”, paesaggio di zucchero e cioccolato disegnato direttamente sulla tovaglia dallo chef Stefano Basello del Fogolar-Là di Moret di Udine della famiglia Marini. Un applauso anche per il raffinato abbinamento piatti/vini con i le bollicine friulane dei fratelli Puiatti di Villa Parens, quelle della Ferrari Riserva Lunelli Trentodoc, i vini Identità e Picolit di Vignaioli Specogna rappresentati dal giovane Cristian Specogna e i distillati di Nonino, azienda rappresentata da Francesca Bardelli Nonino. L’Alpe Adria, tante identità, un cuore unico.

ALPE ADRIA COOKING SHOW PROGRAMMA TELEVISIVO – LA PRIMA SERIE

Maurizio Potocnik chef Tino Vettorello e Wladimiro Gobbo Alpe Adria Cooking Show trasmissione televisiva

ALPE ADRIA COOKING SHOW PROGRAMMA TELEVISIVO – LA PRIMA SERIE

Grande successo di critica, ascolti televisivi e nei social network della trasmissione ideata e condotta dal critico enogastronomico ed editore Maurizio Potocnik, la prima serie televisiva di 12 puntate ALPE ADRIA COOKING SHOW in onda tutti i giovedì sera alle ore 21.20 e la domenica alle ore 13.00 sulla rete TV7 Triveneta Canale 12. La trasmissione itinerante nella macroregione dell’Alpe Adria, tra Italia, Austria, Slovenia e Croazia racconta ed evidenzia quanto in questo territorio si possa scoprire nel mondo delle cucine degli chef, dei vini e dei prodotti artigianali di qualità, uno strepitoso mix di gusti, colori, sensazioni, emozioni che non ha eguali al mondo.

Compagni di viaggio nelle 12 puntate che portano la conduzione e la regia di Maurizio Potocnik, con 12 “show cooking” nelle migliori cucine, lo chef Tino Vettorello (chef ufficiale della Mostra del Cinema di Venezia e delle Olimpiadi di Sochi) con la rubrica “La spesa giusta” per consigliare prodotti ed il loro miglior utilizzo in cucina e il “Wine tasting” del sommellier Waldimiro Gobbo, già selezionatore dei “200 best wines of Alpe Adria” nella guida MAGNAR BEN/BEST GOURMET. La trasmissione si distingue da altre produzioni televisive nel mondo del food e beverage grazie alla particolare dinamicità delle scene e di un confronto con chef, produttori e giornalisti, basato sulla spontaneità e comunicatività dei personaggi arricchito una selezione musicale molto ricercata. La trasmissione televisiva è stata realizzata e prodotta da Club Magnar ben Editore con i contributi dei brands Saecularis (tavoli su legno antico) del Gruppo BMS di Vicenza e EAT’S store&bistrò di Conegliano (TV) che con la nuova gestione sta rilanciando uno dei format italiani rivolti alla qualità ed alla ricerca dei migliori prodotti agroalimentari italiani.

nella fotografia: al centro Maurizio Potocnik, a destra Wladimiro Gobbo e a sinistra lo chef Tino Vettorello

Scroll To Top