giovedì 20-06-2019
Home / Events / Best of Alpe Adria (page 2)

Category Archives: Best of Alpe Adria

PROGRAMMA ALPE ADRIA GOLF&COOKING CUP 2017

La sfida sul green ed in cucina tra ristoranti della macroregione dell'Alpe Adria

La sfida sul green ed in cucina tra ristoranti della macroregione dell’Alpe Adria

Il trofeo Alpe Golf & Cooking Cup si svolgerà il 31 maggio al Castello di Spessa con il patrocinio della Regione Veneto e della Regione Friuli Venezia Giulia:

Programma ufficiale:

dalle ore 10,00 alle ore 14,00 sul campo da golf con 18 squadre composte da ristoratori provenienti delle regioni di Veneto, Friuli Venezia Giulia, Istria (HR), Slovenia, Carinzia (Austria), Trentino Alto Adige e Lombardia.

dalle ore 16,30 alle ore 18,30 la sfida diventa show cooking con  le 18 squadre impegnate a gareggiare con i loro piatti territoriali nel parco del Castello.

I piatti saranno giudicati da una giuria di giornalisti composta da: Maurizio Potocnik (Club Magnar Ben Editore), Marisa Fumagalli (Corriere della Sera), Furio Baldassi (Il Piccolo), Cristiana Sparvoli (La Tribuna di Treviso), Morello Pecchioli (L’Arena di Verona), Anna Varisco (Io Turista Luxury).

Alle ore 18,30 la premiazione con la consegna dei trofei davanti ai partecipanti, alle personalità in rappresentanza delle Regioni, alla stampa e televisioni presenti.

ALPE ADRIA GOLF & COOKING CUP

Regolamento e formula di gara

1. Iscrizione al torneo gratuita entro il 20 maggio 2017

2. sul green – squadre di 4 giocatori composte da 2 sottosquadre: due giocatori in formula “Louisiana”, due giocatori in formula “4 palle la migliore”

3. nel parco del castello – preparazione in formula cooking show su postazione dedicata di un piatto in versione finger food

4. il trofeo – I punteggi realizzati in campo verranno sommati ai punteggi dei piatti giudicati da una speciale giuria di gionalisti enogastronomici saranno aggiudicati i seguenti trofei: miglior punteggio in campo - miglior punteggio in cucina - miglior assoluto Alpe Adria 2017 punteggio campo + cucina

5. Sono invitate squadre composte da ristoratori e appassionati provenienti  esclusivamente dalla macroregione dell’Alpe Adria di: Lombardia, Veneto, Trentino Alto Adige, Friuli Venezia Giulia, Carinzia, Slovenia e Croazia/Istria.

6. Possono partecipare:  ristoratori con almeno un giocatore dello staff che partecipi alla competizione del golf, squadre miste composte da foodblogger/giornalisti/opinion leader del settore enogastronomico.

7. Per la realizzazione dei piatti in versione finger food si possono avere un massimo di 2 collaboratori della brigata di cucina del ristorante/tem partecipante

8. Per lo show cooking ogni squadra dovrà essere munita di fornello a gas per la rigenerazione/preparazione (eventuali piastre elettriche dovranno essere comunicate)

9. Dovranno essere realizzati/preparati n°150 finger food per la giuria, le personalità istituzionali e per tutti i partecipanti iscritti alla manifestazione. I 6 piatti preparati per la giuria saranno preparati su piatti e in ceramica forniti dal Castello di Spessa e dovranno rappresentare il territorio/regione di appartenenza.

10. Sarà cura del Castello di Spessa di fornire ad ogni squadra una postazione composta da 2 banchi con tovagliato e posate e piattini usa e getta, eventuale collegamento alla rete elettrica dove richiesto.

11. I piatti saranno abbinati ai vini di Castello di Spessa

La conferma con la comunicazione della squadra, la specifica dei componenti che giocano le due formule e il piatto che verrà presentato deve avvenire entro il 5 maggio 2017 presso la segreteria del Golf Club Castello di Spessa per permettere ai nostri uffici stampa di pubblicare nei quotidiani o testate giornalistiche le partecipazioni e i relativi piatti.

Durante la manifestazione, oltre ai giornalisti di giuria” saranno presenti televisioni, testate giornalistiche nazionali e dei relativi territori.

Tel +39 0481 881009 oppure tramite Castello di Spessa vinicola Sig.ra Erica 0481 60445 – oppure alla mail:

e.calligaris@castellodispessa.it

grafica@magnarben.it

Castello di Spessa - Club Magnar Ben Editore

 

Read More »

L’ALPE ADRIA DEI MIGLIORI GOURMET PRESENTATA DA EAT’S.

Luca Zaia e Maurizio Potocnik presentazione Magnar Ben BEST GOURMET

presentazione ufficiale BEST GOURMET 2017 Eat's Conegliano

brigata alla cena di gala dell'Alpe Adria BEST GOURMET 2017

L’ALPE ADRIA DEI MIGLIORI GOURMET PRESENTATA DA EAT’S. L’happening della macroregione a Conegliano con la presentazione del nuovo concept di Eat’s e della Guida Magnar Ben Best Gourmet 2017. Il Presidente della Regione Veneto Luca Zaia: “realtà realtà virtuose, la ristorazione promuove prodotti agricoli e  turismo”.

Conegliano. E’ stata una vera, grande, partecipata festa come doveva essere per il debutto di due “eccellenze” del gusto: l’anteprima del nuovo  progetto e claim di Eat’s,  gruppo specializzato nella distribuzione di prodotti alimentari di nicchia in rampa di lancio per uno sviluppo nazionale ed estero; la presentazione ufficiale della Guida Magnar Ben Best Gourmet 2017 ristoranti e vini dell’Alpe Adria, edita e curata da Maurizio Potocnik e di cui Eat’s è partner. L’happening che ha unito queste realtà, entrambe dedite – in vari ambiti – alla valorizzazione del cibo di qualità, si è svolto giovedì 2 febbraio nella food hall Eat’s a Conegliano (Treviso), con un’ampia  partecipazione di giornalisti, ristoratori, produttori di vini e appassionati gourmet  che hanno fatto ala all’evento tra le “isole del gusto” dello store.

Luca Zaia Presidente della Regione del Veneto (che è anche presidente della macro regione EUREGIO (Veneto-Friuli Venezia Giulia- Carinzia e prossimamente anche la Croazia), intervenendo in chiusura della presentazione, ha messo in evidenza il valore dell’imprenditoria che getta il cuore oltre gli ostacoli, il governatore non ha perso l’occasione per tornare  simpaticamente sulla contesa del Tiramisù tra Veneto e Friuli vista la folta presenza di ristoratori Veneti e Friulani ed inoltre ha ribadito il concetto territorio/ristorazione “se l’agricoltura non avesse la ristorazione, non ci sarebbe promozione agroalimentare e non ci sarebbe promozione turistica. Nelle regioni dove si mangia e si beve bene si fa turismo. La realtà virtuosa  di aziende agricole, ristoratori e operatori del turismo fa grande e unica questa macro-regione”.

Primario  valore della ristorazione dell’Alpe Adria esaltato anche dalla Guida Magnar Ben BEST GOURMET - 21esima edizione, con la recensione di 350 locali, 150 vini e l’assegnazione di 21 Awards 2017 a ristoranti, cuochi e vini, annunciati dall’editore Maurizio Potocnik e da Wladimiro Gobbo, sommelier che ha curato la selezione dei vini in guida. La consegna dei premi ai vincitori si terrà a giugno. A coronare la festa nella food hall di Eats’ poi ci sono stati due momenti dedicati alla celebrazione dei sapori della macroregione: l’aperitivo con la selezione di formaggi  Agricansiglio e prosciutto di San Daniele Dop,  nei calici i vini delle aziende Le Colture, Bellenda e Boschera Winkler.

La Gran cena di gala dell’Alpe Adria nel bistrò di Eat’s preparata a ben otto mani dagli chef selezionati da Potocnik tra quelli inseriti in guida ed alcuni vincitori. Un felicissimo incontro di territori grazie al “Cappucin Furlan” con orzo nudo della trattoria da Nando di Mortegliano (Udine) della famiglia Uanetto presente con Ivan e Sandro; il piatto “Patate patate patate” i raffinati gnocchi di patate e salmerino di Alfio Ghezzi della Locanda Margon di Trento, il ristorante della famiglia Lunelli-Cantine Ferrari; i sassi del Piave e il branzino dell’Alto Adriatico creati dal ristorante Tre Panoce di Conegliano (Treviso) dello chef Tino Vettorello (patron anche di Eat’s) e lo straordinario dessert “L’inverno”, paesaggio di zucchero e cioccolato disegnato direttamente sulla tovaglia dallo chef Stefano Basello del Fogolar-Là di Moret di Udine della famiglia Marini. Un applauso anche per il raffinato abbinamento piatti/vini con i le bollicine friulane dei fratelli Puiatti di Villa Parens, quelle della Ferrari Riserva Lunelli Trentodoc, i vini Identità e Picolit di Vignaioli Specogna rappresentati dal giovane Cristian Specogna e i distillati di Nonino, azienda rappresentata da Francesca Bardelli Nonino. L’Alpe Adria, tante identità, un cuore unico.

IL MIGLIOR BUONGUSTAIO SEI TU! ESCE GUIDA MAGNAR BEN BEST GOURMET 2017

i migliori ristoranti, vini e prodotti dell'Alpe Adria: Italia, Austria, Slovenia, Croazia

i migliori ristoranti, vini e prodotti dell’Alpe Adria: Italia, Austria, Slovenia, Croazia

Comunicato stampa 21° edizione Guida Magnar Ben BEST GOURMET 2017

E’ unica, è bella, è golosa, è la nuova guida dell’Alpe Adria: Magnar Ben – BEST GOURMET 2017. Presentazione Ufficiale giovedì 02 febbraio, ore 18,30 presso EAT’S Conegliano. “Miglior buongustaio” è la nuova denominazione che accompagna la 21° edizione della guida Magnar Ben sempre più internazionale anche nel nome e diretta dal suo fondatore enogastronomo Maurizio Potocnik che, da 2 decadi, promuove con grande passione questo territorio.

Magnar Ben BEST GOURMET 2017 è l’unica e inimitabile guida di uno dei territori più coinvolgenti al mondo in fatto di eno-gastronomia e ristorazione: l’Alpe Adria.

In questa macroregione per secoli le culture tra i Balcani, la Mitteleuropa e la Repubblica di Venezia si sono incrociate rendendo straordinariamente intrigante il mix di macro e micro diversità ambientali, sociali, produttive, agricole, gastronomiche. Tante sfaccettature e tante personalità che compongono una ikebana di sapori davvero curiosi e convincenti che spesso si fondono e si rincorrono, al di qua e di là dei confini a nord est dell’Italia tra l’Austria la Slovenia e la Croazia, tra l’alto Adriatico e le Alpi. Non solo bellezza storica, culturale e paesaggistica, quindi, ma uno stimolante palcoscenico gustativo che rende davvero unico questo territorio che negli anni a venire sarà meta di un turismo enogastronomico mondiale sempre più esigente… e non c’è Francia (e nemmeno francesismi) che tenga il suo confronto.

La nuova edizione della guida composta da 600 pagine a colori racconta, segnala e promuove la migliore ristorazione con 350 tra ristoranti di cucina tradizionale, creativa-moderna, trattorie, osterie con cucina e 150 grandi vini con una forte identità. Ogni ristorante è descritto con un ampia scheda descrittiva, fotografia e punteggio per la qualità in cucina e per la carta vini; ogni vino è accompagnato dalle note della degustazione sensoriale e un’ampia scheda descrittiva e la nostra valutazione è rappresenta la nostra “carta vini ideale” dell’Alpe Adria, dopo una selezione annuale che avviene su 500 campioni ricevuti.  Come ogni anno la “Carta vini dell’Alpe Adria” è preceduta da un’interessante wine educational che accompagna gli appassionati alla descrizione della terminologia “base” nell’immenso e complesso mondo del vino.

 Cosa rende diversa la guida Magnar Ben BEST GOURMET dalle altre guide. I motivi del successo di questa guida, spiega Maurizio Potocnik, sono molteplici, in primis la profonda conoscenza di questo territorio dovuta ai 21 anni di attività “sul piatto” e nella ricerca dei vini e prodotti agroalimentari, assoluta garanzia per il lettore/consultatore, la seconda motivazione è la differente visione sulla ristorazione rispetto alle altre guide, una visione che valorizza anche la ristorazione tradizionale (molto trascurata in altre guide più attente alla ristorazione moderna). La terza motivazione, le visite costanti ai ristoranti in tutto il territorio da cui nasce l’omogeneità delle recensioni realizzate da un“dream–team” giornalistico di grande qualità che negli anni si è rafforzato ed è composto in questa edizione, oltre che dallo staff redazionale diretto da Maurizio Potocnik, da giornalisti tra i più quotati e storici come il veronese Morello Pecchioli, il trentino Giuseppe Casagrande, la trevigiana Cristiana Sparvoli, il triestino Furio Baldassi, il veneziano Francesco Lazzarini, la goriziana Marina Tagliaferri, ai quali si aggiunge la foodblogger Chiara Giglio triestina anch’essa.

La selezione dei vini è guidata dal sommelier Wladimiro Gobbo che con Maurizio Potocnik ricerca ogni anno vini che abbiano una forte identità, tra grandi e piccole aziende, nuove tendenze e brands storici del vino. In questa 21°edizione sono inoltre pubblicati 20 Awards Internazionali BEST OF ALPE ADRIA assegnati alle migliori cucine suddivisi per categorie (Ristoranti cucina creativa, tradizionale, trattorie, osterie con cucina) e vini suddivisi sempre per categorie e tipologia di vinificazione.

Assegnato anche un premio speciale alla rivista “VITAE” dell’Associazione Italiana Sommelier per contenuti, approfondimenti, grafica e fotografie di grande qualità. Gli Awards saranno consegnati durante l’annuale manifestazione Best of Alpe Adria che si terrà nel mese di giugno 2017.

GIOVEDI’ 02 FEBBRAIO LA PRESENTAZIONE UFFICIALE.

La nuova edizione della guida sarà presentata ufficialmente giovedì 2 febbraio presso il main partner EAT’S nella sede di Conegliano (TV) alle ore 18.30, a seguire, alle 20.30 seguirà l’esclusivo “Gran Galà dell’Alpe Adria” che ospiterà alcuni degli chef protagonisti di questa edizione; la presentazione ci sarà successivamente anche nella nuova sede EAT’S di Milano. Completano la 21° edizione della guida le manifestazioni itineranti nella macroregione Best of Alpe Adria e la trasmissione televisiva Alpe Adria Cooking Show ideata, condotta e diretta sempre da Maurizio Potocnik e in onda su TV7 Triveneta canale 12. Maggiori informazioni nel sito ufficiale www.magnarben.it e nei social network official:

youtube: Maurizio Potocnik Best Gourmet - facebook: Club Magnar Ben Alpe Adria

 

Il solito? No, EAT’S. Informazioni sul nostro partner Istituzionale 2017 EAT’S Conegliano-Milano

Il solito? No, EAT’S è il nuovo claim che troverete in 3° di copertina della 21°edizione della guida. Il 2017 sarà l’anno che vede impegnata questa nuova attività imprenditoriale, dedicata alle eccellenze del food & wine italiane, alla promozione del nuovo “concept store” che prevede un’approfondita comunicazione rivolta al consumatore, di ogni prodotto in vendita negli scaffali e nelle isole del gusto dedicate alla frutta, verdura, carne, pesce, formaggi e salumi di alta qualità. Un valore aggiunto per offrire un servizio a 360° e una opportunità per tutti i prodotti di ricerca provenienti da piccole realtà artigianali di tutta Italia.

RESTAURANTS AWARDS BEST OF ALPE ADRIA 2017 Assegnati 11 Awards ed uno “special Award” per l’anno 2017: due nella regione Trentino Alto Adige in provincia di Trento, due nella regione del Friuli Venezia Giulia nella provincia di Udine, sei nella regione del Veneto, dei quali due in provincia di Vicenza, uno in provincia di Verona, uno in provincia di Belluno, uno in provincia di Venezia e uno in provincia di Treviso.

MIGLIOR RISTORANTE ALPE ADRIA

Locanda Margon – Trento (TN)

MIGLIOR RISTORANTE DELLA TRADIZIONE ALPE ADRIA 2017

Da Nando – Mortegliano (UD)

MIGLIOR RISTORANTE EMERGENTE ALPE ADRIA 2017

Dimitri – Altavilla Vicentina (VI)

MIGLIOR RISTORANTE D’HOTEL ALPE ADRIA 2017

Il Fogolar/Là di Moret – Udine (UD)

MIGLIOR TRATTORIA ALPE ADRIA 2017

Cavour – Dossobuono (VR)

MIGLIOR OSTERIA ALPE ADRIA 2017

La Madonnetta – Marostica (VI)

MIGLIOR AGRITURISMO ALPE ADRIA 2017

EL Brite de Larieto – Cortina d’Ampezzo (BL)

MIGLIOR PIATTO ALPE ADRIA 2017

Da Omar – Jesolo – (VE)

Piatto: Spaghettone di Gragnano aglio, olio e fegato di seppia.

MIGLIOR CARTA VINI DELL’ALPE ADRIA 2017

La Corte – Follina (TV)

MIGLIOR CARRELLO DI FORMAGGI ALPE ADRIA 2017

Miramonti l’altro – Costorio di Concesio (BS)

PREMIO ALLA CARRIERA ALPE ADRIA 2017

Lucia Gius – Maso Cantanghel – Civezzano (TN) 

SPECIAL AWARDS “miglior rivista enogastronomica”

Vitae – Rivista trimestrale dell’Associazione Italiana Sommelier – Milano (MI)

Per l’eleganza della grafica, l’approfondimento degli articoli e per la curata fotografia.

 

WINES AWARDS BEST OF ALPE ADRIA 2017

Assegnati 9 Awards nella sezione Best Wines per l’anno 2017, uno in Slovenia, uno nella regione della Lombardia in provincia di Brescia, quattro nel Veneto dei quali, uno in provincia di Venezia, uno in provincia di Treviso, uno in provincia di Verona e uno in provincia di Padova; un Awards nella regione del Trentino Alto Adige in provincia di Trento e uno in Friuli Venezia Giulia in provincia di Gorizia.

 

WINE AWARD BEST OF ALPE ADRIA 2017

Vino – identità/ wine identity

Puro Rosè 2006

Movia (SLO)

 

WINE AWARD BEST OF ALPE ADRIA 2017

bollicina da metodo classico/sparkling wine from classic method

Revolution Pas Operè 2012

Cà del Vent (BS – ITA)

 

WINE AWARD BEST OF ALPE ADRIA 2017

bollicina da metodo Italiano/sparkling wine from italian method

Zero-Valdobbiadene Superiore di Cartizze 2015 

Duca di Dolle (TV- ITA)

 

WINE AWARD BEST OF ALPE ADRIA 2017

vino bianco/white wine

Orto di Venezia Magnum 2011

Orto di Venezia  (VE – ITA)

 

WINE AWARD BEST OF ALPE ADRIA 2017

vino rosso/red wine

Denxo 2010

Bixio Poderi (VR – ITA)

 

WINE AWARD BEST OF ALPE ADRIA 2017

vino autoctono/ autocton wine

Filo di Arianna 2014

Tenuta Roveglia (BS –ITA)

 

WINE AWARD BEST OF ALPE ADRIA 2017

vino passito/raisin wine

Francisca XI 2011

Marco Sambin – (PD- ITA)

 

WINE AWARD BEST OF ALPE ADRIA 2017

vino biologico/biologichal wine

Zero Infinito

Pojer e Sandri (TN -ITA)

 

WINE AWARD BEST OF ALPE ADRIA 2017

Macerato/orange wine

OrangeOne 2012

Parascos (GO-ITA)

Read More »

ALPE ADRIA COOKING SHOW PROGRAMMA TELEVISIVO – LA PRIMA SERIE

Maurizio Potocnik chef Tino Vettorello e Wladimiro Gobbo Alpe Adria Cooking Show trasmissione televisiva

ALPE ADRIA COOKING SHOW PROGRAMMA TELEVISIVO – LA PRIMA SERIE

Grande successo di critica, ascolti televisivi e nei social network della trasmissione ideata e condotta dal critico enogastronomico ed editore Maurizio Potocnik, la prima serie televisiva di 12 puntate ALPE ADRIA COOKING SHOW in onda tutti i giovedì sera alle ore 21.20 e la domenica alle ore 13.00 sulla rete TV7 Triveneta Canale 12. La trasmissione itinerante nella macroregione dell’Alpe Adria, tra Italia, Austria, Slovenia e Croazia racconta ed evidenzia quanto in questo territorio si possa scoprire nel mondo delle cucine degli chef, dei vini e dei prodotti artigianali di qualità, uno strepitoso mix di gusti, colori, sensazioni, emozioni che non ha eguali al mondo.

Compagni di viaggio nelle 12 puntate che portano la conduzione e la regia di Maurizio Potocnik, con 12 “show cooking” nelle migliori cucine, lo chef Tino Vettorello (chef ufficiale della Mostra del Cinema di Venezia e delle Olimpiadi di Sochi) con la rubrica “La spesa giusta” per consigliare prodotti ed il loro miglior utilizzo in cucina e il “Wine tasting” del sommellier Waldimiro Gobbo, già selezionatore dei “200 best wines of Alpe Adria” nella guida MAGNAR BEN/BEST GOURMET. La trasmissione si distingue da altre produzioni televisive nel mondo del food e beverage grazie alla particolare dinamicità delle scene e di un confronto con chef, produttori e giornalisti, basato sulla spontaneità e comunicatività dei personaggi arricchito una selezione musicale molto ricercata. La trasmissione televisiva è stata realizzata e prodotta da Club Magnar ben Editore con i contributi dei brands Saecularis (tavoli su legno antico) del Gruppo BMS di Vicenza e EAT’S store&bistrò di Conegliano (TV) che con la nuova gestione sta rilanciando uno dei format italiani rivolti alla qualità ed alla ricerca dei migliori prodotti agroalimentari italiani.

nella fotografia: al centro Maurizio Potocnik, a destra Wladimiro Gobbo e a sinistra lo chef Tino Vettorello

L’ALPE ADRIA VA’ IN PRIMA TV: ALPE ADRIA COOKING SHOW tutti i giovedì sera sul canale 12 TV7

 

ALPE ADRIA COOKING SHOW PROMO di Maurizio PotocnikComunicato stampa

Al via la prima trasmissione televisiva completamente dedicata all’enogastronomia dell’Alpe Adria: Alpe Adria Cooking Show.

Al via la prima edizione della trasmissione televisiva ALPE ADRIA COOKING SHOW, ideata e condotta da Maurizio Potocnik e prodotta da Club Magnar Ben Editore, la trasmissione ripercorrerà in 12 puntate il meglio in fatto di cucina, vini e prodotti dell’Alpe Adria, la macroregione che comprende 4 nazioni (italia, Austria, Slovenia e Croazia). Alpe Adria Cooking Show, un programma suddiviso in 3 rubriche: “show cooking” itineranti con i grandi chef, “wine tasting” con degustazione sensoriale dei migliori vini e la rubrica “la spesa giusta” per affondare consigli su prodotti di qualità della macroregione, non mancheranno interviste a produttori, vignaioli e giornaliisti collaboratori di Club Magnar Ben. A condurre la trasmissione Maurizio Potocnik enogastronomo e editore esperto della macroregione che dice < amo questo territorio unico al mondo dove si fondono curiosi e sorprendenti le culture della Serenissima Repubblica di Venezia con la Mitteleuropa ed i Balcani in una ikebana di gusti, profumi e sapori che non ha eguali> < volevo ancora una volta dare voce a questo territorio, non solo con le guide enogastronomiche, i libri, gli eventi, ma anche con la televisione per comunicare a 360° il valore dell’Alpe Adria >. Compagni di viaggio di Maurizio Potocnik che accompagnerà i telespettatori nelle le migliori cucine per carpire segreti e tecniche, saranno Wladimiro Gobbo, esperto Sommelier e selezionatore da 3 anni dei migliori vini per la guida Magnar Ben Best of Alpe Adria  e Tino Vettorello official chef della Mostra del Cinema di Venezia al quale è affidata la rubrica “la spesa giusta” tra selezioni di prodotti e consigli pratici sul loro migliore utilizzo.

Alpe Adria Cooking Show andrà in onda ogni giovedì sera alle ore 21.20 in prima serata tv e in replica ogni domenica alle ore 13.00 sulla rete televisiva TV7 sul canale 12 per il Veneto e Friuli Venezia Giulia, (per l’Emilia-Romagna canale 98) e divulgata in seguito nei social network ufficiali della televisione e di Club Magnar Ben (facebook/club Magnar Ben Alpe Adria- youtube -Maurizio Potocnik BEST GOURMET).

IL Friuli Business – intervista a Maurizio Potocnik – andamento enogastronomico dell’Alpe Adria

IL Friuli Business - intervisa all'editore Maurizio Potocnik

Il Friuli Business intervista a Maurizio Potocnik critico enogastronomico macroregione Alpe Adria Maurizio Potocnik intervistato sulla rubrica Business del Friuli

SGUARDO AVANTI, PASSO INDIETRO, INTERVISTA DEL GIORNALISTA ROSSANO CATTIVELLO A MAURIZIO POTOCNIK-Il FRIULI BUSINESS – MENSILE DI ECONOMIA DEL “IL FRIULI”
Si parla dell’andamento enogastronomico della macroregione europea dell’Alpe Adria, il pericolo dei nuovi investitori nel settore, nella ristorazione manca l’offerta per far mangiare i giovani a 15/20 Euro….i giovani talenti in cucina “li aspettiamo al varco”…leggete…

BEST OF ALPE ADRIA 2016 Restaurants, Wines and Food. A JESOLO S’INCONTRANO I FUORICLASSE DEL GUSTO DELL’ALPE ADRIA.

awards-2016 copia

BEST OF ALPE ADRIA Restaurants, Wines and Food Awards 2016

A JESOLO S’INCONTRANO I FUORICLASSE DEL GUSTO DELL’ALPE ADRIA.

A Terrazza Mare Marcandole il 6 luglio la cerimonia di consegna degli Award Best of Alpe Adria 2016 della 20° edizione Guida Magnar Ben, il meglio di chef, ristoratori, vini e prodotti della macroregione europea. Tasting, cerimonia di consegna Awards e Gran Cena di Gala.

La IV edizione del meeting enogastronomico fondato da Club Magnar Ben Editore ritorna in provincia di Venezia in uno dei luoghi simbolo, il Lido di Jesolo dove il faro domina l’alto Adriatico, la spiaggia, il fiume Sile e la laguna di Venezia. Con il patrocinio del Comune di Jesolo (ospite l’Assessore al Turismo Daniela Donadello), mercoledì 6 luglio, presso Terrazza Mare Marcandole di fronte al faro di Jesolo Lido, la kermesse enogastronomica più importante della macroregione europea dell’Alpe Adria che coinvolge la migliore ristorazione, vini e prodotti di Slovenia, Austria, Croazia, Veneto, Friuli Venezia Giulia, Franciacorta e Trentino Alto Adige.

Alle 17.00 la degustazione di tutti i vini e prodotti che hanno vinto nella 20° edizione della Guida Magnar Ben 2016 l’Award Best of Alpe Adria alle ore 18.30 saranno ben 25 gli Awards consegnati di cui 8 nel settore Best Restaurant, 3 nella sezione Best Food e 14 nella sezione Best Wine che verranno consegnati dal team di giornalisti di Club Magnar Ben Editore, diretto da Maurizio Potocnik con la collaborazione di: Furio Baldassi di Trieste, Giuseppe Casagrande di Trento, Morello Pecchioli di Verona, Francesco Lazzarini di Venezia, Cristiana Sparvoli di Treviso, Marina Tagliaferri di Gorizia, Wladimiro Gobbo sempre di Treviso.

Il premio internazionale giunto alla sua 5° edizione vuole ancora una volta diffondere e promuovere la cultura della buona tavola, i valori della ricerca e dell’impegno di ristoratori, vignaioli e produttori che sono interpreti e ambasciatori di un territorio dove nei secoli si sono incrociate le culture della Serenissima Repubblica di Venezia, quelle dei Balcani e della Mitteleuropa fondendosi in una straordinaria ikebana di gusti e sapori davvero unici al mondo, ta mare, lagune, campagna, colline e montagne.

 Dopo la cerimonia di consegna degli Awards, alle ore 20.00 la Gran Cena di Gala dell’Alpe Adria a 4 mani tra il ristorante Marcandole di Salgareda condotto dai fratelli Roberta e Alessandro Rorato, già vincitore del premio “Miglior cucina di mare 2014” (nuovi gestori di Terrazza Mare assieme Roberto e Alessandro Bardella) e lo chef Loris Indri del ristorante Do Leoni del Relais & Chateaux Londra Palace di Venezia, vincitore quest’anno dell’Award “Miglior Ristorante d’hotel” Best of Alpe Adria 2016. Il Menù, vista la straordinaria location tra l’Adriatico e la Laguna di Venezia, riserverà diverse sorprese e sarà dedicato alle eccellenze del pesce stagionale dell’Alto Adriatico fornito per l’occasione dall’Ittica San Stino e Alemar, Partner dell’Evento abbinate a alcune selezioni dei vini premiati. Ittica San Stino e Alemar sono rispettivamente una delle più più grandi organizzazioni di pesca nell’Adriatico con 600 imbarcazioni associate e il distributore che commercializza i prodotti ittici nel settore dell’alta ristorazione. Club Magnar Ben, Ittica San Stino e Alemar il giorno successivo saranno promotori del primo “Fishing press educational” giornalistico, dedicato ai pescatori, alla pesca, alle sue stagionalità, un tema davvero importante per conoscere e scoprire più a fondo pesca e pescato dei nostri mari.

BEST RESTAURANTS 2016

PREMIO ALLA CARRIERA Giorgio Gioco del Ristorante 12 Apostoli di Verona, MIGLIOR RITORANTE ALPE ADRIA ristorante Agli Amici di Emanuele e Michela Scarello di Godia di Udine, MIGLIOR RISTORANTE DI CUCINA CREATIVA Ristorante El Coq di Lorenzo Cogo di Marano Vicentino, MIGLIOR RISTORANTE

D’ HOLTEL ristorante Do Leoni chef Loris Indri del Londra Palace Hotel Relais & Chateaux di Venezia, MIGLIOR TRATTORIA TIPICA Antica Trattoria da Nicola di San Donà di Piave, MIGLIOR CARTA VINI Ristorante Perbellini di Paola Secchi di Isola Rizza, MIGLIOR CESTINO DI PANE VIlla Zemono Pri Lojzetu dello chef Tomaz Kavcic di Zemono (SLO), MIGLIOR MAITRE DI SALA ristorante Tavernetta al Castello maitre di sala Maurizio dall’Osto, Castello di Spessa, Spessa di Gorizia.

BEST FOOD 2016

BEST FOOD SEZIONE OLI Trasparenza Marina dell’Azienda Agrofin di Aleksandra Vekic di Zambrattia/Umago Istria (HR), BEST FOOD SEZIONE ACETI dell’Azienda Sirk della Subida Aceti di Josko Sirk di Cormons (GO), BEST FOOD SEZIONE SALE Piranske Soline dell’azienda KPSS di Portorose (SLO)

BEST WINES AWARDS 2016

PREMIO ALLA CARRIERA Rinaldi Rinaldo –dell’Azienda Villa Rinaldi di Soave,  MIGLIOR SPUMANTE METODO CLASSICO Rna Extra brut 2004 Franciacorta docg dall’Azienda Villa di  Monticelli Brusati, MIGLIOR SPUMANTE METODO CLASSICO ROSE’ Rosè brut 2011 Franciacorta Docg dell’Azienda Ferghettina di Adro, MIGLIOR  SPUMANTE METODO ITALIANO Vecchie Viti 2014 Brut Valdobbiadene Prosecco Superiore Docg dell’Azienda Ruggeri di Valdobbiadene, MIGLIOR EFFERVESCENZA SUI LIEVITI Radicale 2012 dell’Azienda Bellenda di Vittorio Veneto, MIGLIOR VINO NATURALE Bianco Kaplja  2011 Igt Venezia Giulia dell’Azienda Damijan Podversic di Gorizia, MIGLIOR ROSE’ Assolto Teroldego 2013 Igt Vigneti delle Dolomiti dell’Azienda Redondel di Mezzolombardo, MIGLIOR VINO AUTOCTONO Ocelot 2003 Igt venezia Giulia  dell’Azienda Marco Scolaris di San Lorenzo Isontino, MIGLIOR VINO BIANCO VITIGNO IN PUREZZA Auròna Kerner Riserva 2012 Doc Alto Adige della Cantina Laimburg di Ora, MIGLIOR VINO BIANCO DA UVAGGIO Upapa Weiss 2013 Igt Vigneti delle Dolomiti dell’Azienda Weingut Abraham di Appiano sulla strada del Vino, MIGLIOR VINO ROSSO VITIGNO IN PUREZZA Nero Fumo 2010 Igt veneto dell’Azienda Sandro De Bruno di Montecchia di Crosara, MIGLIOR VINO ROSSO DA UVAGGIO Bosan Riserva 2006 Doc Amarone della Valpolicella dell’Azienda Gerardo Cesari di Cavion Veronese, MIGLIOR VINO BIOLOGICO Vigna Caselle Gewurztraminer 2012 Doc trentino dell’Azienda Maso Cantanghel di Lavis, MIGLIOR VINO PASSITO Verdàc Glaciàt 2009 Igt Venezia Giulia dell’Azienda  Eugenio Collavini di Corno di Rosazzo.

Read More »

VINITALY 2016 – Wladimiro Gobbo inviato speciale Best of Alpe Adria 2017

Maurizio Potocnik Wladimiro Gobbo

Sarà Wladimiro Gobbo, l’inviato speciale per Club Magnar ben Editore alla 50° edizione del Vinitaly 2016. Wladimiro Gobbo già da 2 anni seleziona i 200 migliori vini per la macroregione europea per la rubrica Best of Alpe Adria di Club Magnar Ben. La guida per l’anno 2017  presenterà una selezione tra i migliori vini delle 9 province tra Lombardia, Veneto, Trentino Alto Adige, Friuli Venezia Giulia, Stiria, Carinzia, Slovenia e Istria.

La 50° edizione di Vinitaly si svolgerà a Verona i giorno 8/9/10/11 aprile 2016 per l’occasione, la città di Verona farà da cornice allo speciale evento fuori salone “Vinitaly & The City.” Degustazioni, concerti, incontri, visite guidate e molte altre iniziative andranno ad animare le aree più suggestive della città dall’8 all’11 aprile. Un appuntamento imperdibile per tutti i wine lover e una piacevole occasione per scoprire e vivere Verona per chi è in città. Seguite i programmi su: www.vinitaly.com

Read More »

Da Tullio Arfanta di Tarzo, in un borgo da fiaba, la cena della stampa Club Magnar Ben 2016

Tavolata della stampa Da Tullio ArfantaRistorante Da Tullio Arfanta Potocnik cena della stampaIl fogolar da Tullio ArfantaDa Tullio Resort nelle alte colline

mate

aceto srik

RISTORANTE DA TULLIO – ARFANTA TV – ITALY - TRADIZIONE SENZA COMPROMESSI.

Cena della stampa Club Magnar Ben – Best of Alpe Adria 2016.
Quest’anno la tradizionale cena della presentazione di Guida Magnar ben 2016 Best of Alpe Adria, dedicata alla stampa enogastronomica specializzata, si è svolta presso il ristorante Hotel da Tullio di Arfanta. Un piccolo borgo del ‘400 situato nelle colline prealpi trevigiane, tra il Monte Croce e col Parè nella parte nord orientale del comprensorio della Docg Prosecco Superiore Conegliano Valdobbbiadene.

Bisogna guardare lassù dove tra gli irti colli, immersi tra vigneti ed uliveti nel 1958 Tullio Pilat (rosticciere a Milano) e la moglie Anna, aprirono un luogo di ristoro dedicato ai cacciatori che, nell’allora riserva di caccia, s’incontravano per un momento di convivialità. Il grande caminetto chiamato “larin” fu costruito nei primi anni settanta assieme alle camere, poi, nel 2003 la grande terrazza panoramica, dove lo sguardo s’incunea attraverso i colli fino a distendersi alla pianura verso est quasi fino all’alto Adriatico.
Qui da Tullio il fogolar è sempre acceso ed è bello venirci in tutte le stagioni: d’inverno per mangiare davanti al fuoco, in primavera per una passeggiata e godere dei colori degli alberi da frutto in fiore, in estate per una serata rinfrescante in terrazza al lume di candela, quando giù in pianura le temperature si fanno”bollenti”, in autunno all’epoca della vendemmia o alla raccolta delle olive. La recentissima ristrutturazione delle camere, avvenuta nel 2015 pongono il ristorante-hotel, come delle mete più ghiotte ed emozionali per bikers, trekkisti ed enoturisti nel panorama del comprensorio di una delle Docg più famose al mondo.

La cucina del ristorante è solida, ben piantata sul solco della tradizione di questo territorio, unico, difficile, se vogliamo, ma generoso e ricco di tanti spunti golosi a km zero. Dall’oca del Mondragon (presidio Slow Food), all’olio, dai formaggi della latteria di Cormaior, ai gustosi salumi freschi preparati in casa, dalla polenta di Mais Biancoperla macinata a pietra nel vicino mulino di Refrontolo, ai piatti di pasta fresca tirata in casa, allo spiedo di carni miste, il piatto “principe” di questi luoghi, preparato ancora dalle sapienti mani di mamma Anna. La cucina è guidata da Roberto Pilat, istintiva, gustosa a tratti raffinata, sempre coerente con la tradizione e arricchita di tutte le panificazioni realizzate con il lievito madre che sono la sua grande passione: grissini, vari tipi di pane, panettoni, focacce. Ricca anche la cantina con 400 etichette tra terroir e l’Italia eroica che conta, un vanto per Roberto e la sorella Nadia che si occupa dell’accoglienza e della sala con tanta umile passione.

E poi ricordiamoci che questi sono i luoghi tanto amati dal poeta Andrea Zanzotto, dove il “topoi” è trasfigurato nelle due poesie del 1945/47 “Declivio su Lorna” e “Lorna” ed ancora immortalate dal maestro definito “il pittore contadino” Bruno Donadel, che nonostante la veneranda età di 86 anni si aggira goloso tra i tavoli del ristorante e che da sempre ha solamente ed esclusivamente dipinto la ruralità di questi luoghi da fiaba.
Team Club 2016 Maurizio Potocnik, Morello Pecchioli, Furio Baldassi, Cristiana Sparvoli, Giuseppe Casagrande, Francesco Lazzarini, Tiziana Rinaldi.

Il menù della serata

Emozioni al chiaro di luna in Terrazza Serena

La selezione bollicine Best of Alpe Adria 2016

La polenta mais Biancoperla macinata al Molinetto della Croda di Refrontolo – preparanta a fuoco lento nella vecchia “caliera” in terrazza panoramica

Il salame fresco e la coppa di casa (tradizione di cinquat’anni)

La crema di patate con olio extravergine di Arfanta

Il Formaggio di Fossa di Cormons a latte crudo sloveno di Josko Sirk della Subida (GO) ,

A tavola davanti al caminetto

La selezione vini bianchi e rossi Best of Alpe Adria 2016

Il Cestino di pane fatto in casa da patron Roberto: pane con zucca, pane integrale e grissini

La passeggiata nei boschi d’Arfanta con petto d’oca del Mondragon e pan brioches, insalata di radicchio dell’orto, mele, formaggio Grillo Latteria Cormaior e aceto d’uva agro Sirk della Subida

La crema morbida di fagioli di Lamon, patate e pancetta croccante, con un filo di Olio Mate (Istria), miglior Olio Alpe Adria 2016

Il raviolo di patate, tirato grosso ripieno di ricotta e Radicchio di Treviso Rosso Tardivo

Lo spiedo della tradizione di Mamma Anna con cosce di pollo e costina di maiale accompagnato dal Radicchio Rosso Tardivo di Treviso alla griglia

Il Sorbetto di Roberto alla pera

Un dolce brindisi davanti al camino

La selezione Passiti Best of Alpe Adria 2016

La “fuazza” di Roberto con crema chantilly

www.datullio.it

 

Read More »

GUIDA MAGNAR BEN BEST OF ALPE ADRIA 2016 XX edizione speciale – Gold Edition

Guida Magnar Ben Best of Alpe Adria 2016 di Maurizio Potocnik

Club Magnar Ben festeggia la 20° edizione della guida con 400 ristoranti, 200 vini e 26 campioni della ristorazione, del vino e del mondo del food, nel 2017 la svolta, la storica guida cambierà nome.

Si può considerare una edizione storica, l’ultima con questa denominazione, la 20° per la guida che promuove e ricerca la migliore ristorazione, i vini e i prodotti dell’Alpe Adria, la macroregione europea che si estende in 4 nazioni e 9 regioni a cavallo tra le Alpi, la pianura e l’alto Adriatico. Un territorio unico che sa emozionare in fatto di territorialità paesaggistica, culturale, turistica e enogastronomica. Il primo ad essere convinto di questo è Maurizio Potocnik editore e critico enogastronomico, cheda vent’anni promuove e ricerca le eccellenze di questo territorio e che, per questa edizione, si avvale di un team giornalistico e di expertise di grande qualità. Sonoorgoglioso, dice l’editore, quest’anno festeggiamo con una squadra che condivide laqualità, la storia e la ricerca in fatto di buona tavola globale, tra piatti, vini e prodotti che vanno sempre più valorizzati e promossi a livello internazionale. 6 i giornalisti coinvoltinelle 400 recensioni ristorative e la squadra di Wladimiro Gobbo e Club Magnar Ben per le 200 selezioni dei migliori vini. La guida è distributa nelle librerie italiane e dell’Alpe Adria al prezzo di Copertina di € 23 o acquistabile al book-shop on line nel sito www.magnarben.it. La presentazione ufficiale dell’edizione è fissata il 28 gennaio a Conegliano alle ore 17,30, presso il Centro Commerciale Conè (partner ufficiale dell’edizione) con brindisi, il taglio di una torta gigante e grandi ospiti del mondo enogastronomico. La consegna degli Awards 2016 avverrà nel mese a fine maggio primi di giugno giugno durante la 4° edizione della manifestazione Best of Alpe Adria.

 

NOVITA’ e AWARDS BEST OF ALPE ADRIA 2016

E allora entriamo nel dettaglio di questa edizione storica con le novità e gli ultimi cambiamenti che vedono in primis 3 Awards dedicati ai prodotti “basici” della tavola”, con questi premi il Club vuole ancora una volta sottolineare l’importanza della qualità dei prodotti nelle nostre tavole: olio, aceto, sale. I 3 riconoscimenti vanno all’olio Mate – Trasparenza Marina di Aleksandra Vekic di Salvore (HR), l’aceto d’uva Sirk della Subida, prodotto nel Collio da Josko Sirk (IT) e il sale di Piranske Soline – KPSS, prodotto nelle storiche saline di Sicciole a Portorose (Slo). Ma ci sono ancora novità nella tavola basica, il nuovo Award dedicato al miglior cestino di pane al ristorante che quest’anno va a Tomaž Kavcic del ristorante Pri Lojzetu-Villa Zemono di Zemono (Slo), lo chef considerato il n° 1 in Slovenia ha convinto con un cestino di pasquale che ha emozionato e stupito per i ricordi e profumi della tradizione, delle panificazioni della memoria e sorpreso con una focaccia ottenuta con 2 anni di ricerche sulla panificazione. Non stupisce il premio Top del 2016 che va il friuli Venezia Giulia al miglior ristorante dell’anno dell’Alpe Adria: Agli Amici di Godia di Udine condotto dallo chef Emanuele Scarello e la sorella Michela, ritmo, tecnica, armonia e un gran ritorno alla valorizzazione dei prodotti “poveri” di terra e di mare, davvero una “gran cucina”. Ancora un premio importante va a Lorenzo Cogo del ristorante El Coq di Marano Vicentino che vince l’Award della miglior cucina creativa, uno stile giovane, pensato da un giovane e dedicato ai giovani gourmet, una forte capacità espressiva e comunicativa tra l’internazionalità e la territorialità e sorprese in bocca ad ogni portata. L’Award Miglior ristorante d’hotel quest’anno va a Venezia al ristorante Do Leoni dell’Hotel Londra Place con la cucina condotta dallo chef friulano Loris Indri ed uno staff di sala motivato, professionale e compatto con il barman Marino Lucchetti (grandi cocktail) ed il maitre Samuel Baston. L’Award della miglior trattoria va in provincia di Venezia dove Nicolò Boschin, assieme alla moglie Lisa conducono L’Antica Trattoria Da Nicola di San Donà di Piave fondata nel lontano 1902, trattoria che perpetua il gusto della tradizione con continua ricerca all’eccellenza di prodotti con provenienza esclusiva di piccoli produttori. In provincia di Verona va l’Awards della miglior carta vini al ristorante Perbellini di Isola Rizza condotto da Paola Secchi, carta vini che stupisce per qualità, filosofia e ricchezza che si uniscono alla qualità di un ambiente e una cucina d’autore. Il miglior piatto dell’anno va a Conegliano in provincia di Treviso a Giorgio Ermanno Onagro del ristorante A Casa de Giorgio nel centro storico della città, una riconoscenza importante per un piatto che ha compiuto ben 57 anni e che in bocca non li fa sentire, una ricetta esclusiva che Giorgio mantiene ancora segreta: “le lumache alla Giorgio” mangiato un piatto ne vorresti subito mangiarne un altro. Ancora un premio importante dedicato alle sale dei ristoranti ed al lavoro del maitre, quasi misconosciuto di questi tempi, una figura che il Club Magnar Ben vuole rivalutare, il premio ritorna quest’anno in terra di Friuli Venezia Giulia a Spessa (GO), il maitre migliore del 2016 è Maurizio Dall’Osto del ristorante Tavernetta al Castello del Castello di Spessa, “nomen omen” infaticabile in sala, votato all’accoglienza e alla diffusione di valori territoriali e umani.Chiude la rassegna dei Restaurants Awards il premio alla carriera che va a Verona a Giorgio Gioco, conduttore assieme alla famiglia dello storico ristorante 12 Apostoli, una carriera brillante tra ristorazione e libri dedicati alla cucina veronese ed allapromozione instancabile della sua storica tradizione culinaria. Tra le novità del 2016 la Guida assegna anche il simbolo + oltre ai 5 piatti chesegnalano in legenda “cucina d’autore” a 7 ristoranti considerati “ Cucina Fuoriclasse”, sono i ristoranti con le cucine guidate sempre dalla e che con la loro ricerca nobilitano questo lavoro.

Wine Awards 2016.

Sono 14 tra i 200 vini recensiti, la selezione di “campioni del 2016” tra grandi e piccoli produttori di questa macroregione: si comincia con la provincia di Verona con 3 premi: il premio alla carriera che quest’anno va a Rinaldo Rinaldi dell’azienda Villa Rinaldi (VR), riconoscimento ad uno dei “pionieri” delle bollicine aristocratiche, quelle del metodo Classico, il premio al miglior vino rosso in purezza al Nero Fumo 2010 prodotto dall’azienda Sandro de Bruno (VR), il miglio vino rosso da uvaggio il Bosan Riserva 2006 Amarone della Valpolicella prodotto dall’azienda Gerardo Cesari (VR). Il miglior metodo classico dell’Alpe Adria quest’anno va in provincia di Brescia nel Franciacorta, il vino è l’ RNA dell’azienda Villa (BS) uno spumante frutto di sole annate eccellenti, ancora in Franciacorta il premio al miglior Rosè Metodo Classico al Rosè Brut di Ferghettina (BS), elegante, armonioso e ben vestito. A Valdobbiadene il riconoscimento del miglior spumante metodo italiano, il vino selezionato è il Vecchie Viti di Ruggeri (TV) un vino proveniente esclusivamente da vecchie viti di famiglia; il premio miglior effervescenza sui lieviti va ancora in provincia di Treviso nelle colline del Prosecco Docg, territorio che da sempre produce il rifermentato in bottiglia col fondo, il vino selezionato è il Radicale dell’ azienda Bellenda (TV), vino mantenuto a testa in giù e prodotto solamente in versione Magnum, ambiente nel quale l’effervescenza naturale si esprime al meglio. 3 i premi in Friuli Venezia Giulia, il premio al miglior vino naturale è nel Collio, al vino il Bianco Kaplja di Damjan Podversic, vignaiolo che riesce a dare eleganza a macerati e provenienti da coltivazioni condotte con amore per la terra e i loro frutti al naturale; ancora il Friuli Venezia Giulia il premio miglior vino autoctono all’ Ocelot 2003 dell’Azienda Scolaris (GO), un vitigno raro e unico ancora coltivato in piccolissimi appezzamenti di terra; un riconoscimento anche al miglior vino passito il Verdàc Glaciàt 2009 prodotto dall’azienda Eugenio Collavini (UD) con appassimento in fruttaia e successiva ghiacciatura a -18° C. Due i premi in provincia di Trento: miglior vino rosè l’Assolto Teroldego 2013 dell’azienda Redondel (TN), una piccola realtà dichiarata e votata all’espressione pura del vitigno e il miglio vino Biologico a Vigna Caselle Gewurtztraminer 2012 prodotto dall’azienda Maso Cantanghel con 8 ettari a 500 mt slm. Due anche i premi in provincia di Bolzano, rispettivamente miglior bianco in purezza al vino Aurona Kerner Riserva 2012 prodotto dall’azienda Laiburg (BZ) e il miglior uvaggio bianco al vino Upapa Weissì 2013 prodotto dalla micro-azienda Weingut Abraham che conduce solamente 3 ettari avigneto per una produzione complessiva di 13.000 bottiglie.

Il mondo della ristorazione cresce e potrete vedere voi stessi come la media delle nostre valutazioni sia cresciuta ovunque, con la città di Venezia ai primi posti per le soste gourmet, la provincia di Vicenza sempre artefice di un trend in continua crescita nella cucina moderna, il territorio del Franciacorta che cresce in qualità con la crescita della produzione vinicola, il Trentino Alto Adige ambasciatore dello stretto legame con il suo territorio, il Friuli Venezia Giulia una regione sempre concreta e affidabile tra tradizione e ricerca, l’Austria, ancora un’ pò chiusa, ma ormai allineata ai gusti transfrontalieri tra l’Adriatico l’Alpe e i prodotti naturali, la Slovenia che conferma i passi da gigante fatti nell’ultimo decennio, l’Istria croata che affascina con la sua ruralità e i nuovi gusti sempre più conteporanei. La Riflessione: la qualità migliora a 360° in tutto il comparto enogastronomico, i ristoratori stanno tornando a “ristorare”, quella mission un po’ persa o dimenticata qualche anno fa, i piccoli produttori dell’agroalimentare stanno emergendo sfidando la grande industria alimentare, i vignaioli sono sempre più caratteriali e legati alla mission originale del “terroir” nella sincera espressione dei vitigni. Tutti stanno lavorando in linea con il nuovo cambiamento all’insegna di “guardare avanti facendo un passo indietro”. Sono convinto che siamo sulla giusta strada, ma soprattutto con orgoglio posso confermare che questa macroregione riesce a tradurre al meglio la complessità storico-culturale-sociale in un’ ikebana di gusti ed emozioni e che in questa molteplice diversità trova proprio il suo punto di forza e la sua unicità. Il mio grazie va a tutta la redazione, all’accreditatissimo team giornalistico, alle aziende che ci sostengono, a tutti i ristoratori, vignaioli e produttori che fanno grande e unica questa meravigliosa macroregione.

Maurizio Potocnik – Presidente Associazione Culturale Club Magnar Ben

Team Club Magnar Ben Best of Alpe Adria 2016

Maurizio Potocnik, Morello Pecchioli, Giuseppe Casagrande, Cristiana Sparvoli

Francesco Lazzarini, Furio Baldassi, Marina Tagliaferri, Wladimiro Gobbo

Carla Soligo, Tiziana Rinaldi, Dario Penco.

Read More »
Scroll To Top